Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Sezioni

Tedesco

Corso specialistico              

Collaboratore

Docente

Orario e sede

Strumenti linguistici per la scrittura accademica

Papalino Rossana

Nardi Antonella Calendario e programma del corso
Leggere testi specialistici Miriam Morf
Nardi Antonella Calendario e sede del corso
Strumenti di gestione del progetto di traduzione Daniela Carbini
Nardi Antonella lunedì ore 13.00-16.00 nelle seguenti date: 25 marzo, 1 aprile, 15 aprile e 29 aprile 3 maggio ore 9.00-12.00 presso il Polo Pantaleoni

Contenuti corso "Leggere testi specialistici": Il corso si rivolge a coloro che, per necessità accademiche, si devono confrontare con testi specialistici autentici scritti in lingua straniera, nello specifico in tedesco (livello minimo di tedesco: A2). Nell’approcciarsi a un testo specialistico le difficoltà maggiori consistono nella comprensione della terminologia specifica, ma anche, e soprattutto,  nella decodifica delle specifiche procedure morfo-sintattiche. Lo scopo primario del corso è di fornire strategie di lettura di testi specialistici autentici, evidenziando come i fenomeni linguistici più rilevanti in essi ricorrenti siano in relazione tra loro e utilizzino risorse della lingua comune. I testi verranno scelti in base alle esigenze e alle inclinazioni degli utenti, privilegiando comunque un ventaglio diversificato di tipologie testuali. Gli esercizi proposti verteranno sulla comprensione del linguaggio specialistico passando attraverso l’analisi lessicale, semantica e morfo-sintattica dei testi presi in esame. I partecipanti apprenderanno inoltre tecniche di acquisizione e sistematizzazione del lessico specifico (microlingua) delle strutture linguistiche più in uso nei diversi linguaggi specialistici.

Contenuti corso "Strumenti di gestione del progetto di traduzione": Il corso, che verrà tenuto in italiano, si rivolge a coloro che intendono acquisire familiarità con l’utilizzo di un software di ausilio alla traduzione. L’obiettivo del corso è saper creare e gestire un progetto di traduzione e una memoria a esso collegata, così come di un database terminologico di supporto alla traduzione. Il software utilizzato sarà Trados che presenta funzionalità specifiche ma allo stesso tempo molto intuitive. Si partirà da un file da tradurre con cui è possibile creare un progetto di traduzione all’interno dell’interfaccia di Trados. Una volta creato il progetto, che contiene anche la memoria ancora vuota, si potrà svolgere la traduzione: tutto il testo tradotto confluirà nella memoria che, nel caso di ripetizioni di frasi uguali o simili, le inserirà nel testo della lingua di arrivo, velocizzando il lavoro di traduzione. Una volta terminate traduzione e revisione del testo, verrà creato il file target, contenente solo il testo nella lingua di arrivo da inviare al cliente. Trados è dotato di un’interfaccia con cui è possibile lavorare al progetto di traduzione creando una memoria in cui viene inserito il testo di volta in volta tradotto e di una funzione chiamata Multiterm (anch’essa presentata durante il corso) che permette di creare una banca dati terminologica nella lingua di partenza e di arrivo. Questa banca dati supporta il traduttore in fase di traduzione sotto forma di glossario e può essere utilizzata anche a prescindere dalla traduzione stessa, ad esempio per un incarico di interpretariato.

Modalità di accreditamento per gli studenti del dipartimento di studi umanistici